da Modena Today: la posizione di Cisl e Siulp

da ModenaToday, 29 aprile 2013
http://www.modenatoday.it/cronaca/sindacati-chiudere-cie-modena.html
 

Cie Modena, i sindacati: “Condizioni inaccettabili, meglio chiudere”

Ciro Donnarumma, segreteria regionale Cisl, e Lino Elia, segretario generale regionale Siulp (Sindacato Italiano Unitario Lavoratori di Polizia) attaccano il gestore della struttura di via La Marmora, la Cooperativa Oasi di Siracusa.

Condizioni di vita inaccettabili per gli ospiti e inadempienze contrattuali dell’attuale gestore. Queste le condizioni che, secondo Ciro Donnarumma (segreteria regionale Cisl) e Lino Elia (segretario regionale Siulp), dovrebbero portare alla chiusura dei Cie di Modena e Bologna. I sindacalisti hanno criticato aspramente la cooperativa Oasi di Siracusa (il soggetto che gestisce le strutture) per il trattamento riservato ai dipendenti che, da diversi mesi, non percepiscono lo stipendio.

Gli attacchi sono stati portati a margine del convegno “Sicurezza e immigrazione nel territorio modenese: Riflessioni e prospettive”, organizzato a Modena dallo stesso sindacato di polizia Siulp. I Cie in Italia sono tredici, di cui due in Emilia-Romagna, uno a Bologna (attualmente in fase di ristrutturazione) e uno a Modena. Strutture, queste ultime, che possono contenere massimo 155 persone, di cui 95 nel capoluogo felsineo e 60 a Modena. “Nonostante nei due Cie emiliani nel corso del 2012 siano transitati circa mille ospiti – proseguono i sindacalisti – la vera criticità non è il sovraffollamento, ma il fatto che siamo in presenza di aree totalmente inadeguate, luoghi di reclusione meno tutelati delle carceri, poiché, ad esempio, non esistono ambienti separati per i richiedenti asilo e gli ex-carcerati. Fatto che purtroppo sfocia in frequenti e violenti problemi di convivenza, tanto che, e i dati parlano chiaro, nei Cie i crimini invece di diminuire spesso aumentano”.

This entry was posted in generale, rassegna stampa and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *