Modena- Tanto vale riaprire i lager


Migliaia di persone cercano scampo, fuggendo dalle guerre, dalle devastazioni, dalla distruzione delle loro vite. Cercano migliori condizioni, per poter sopravvivere, ai margini del mondo ricco. La risposta del mondo ricco consiste nell’erigere frontiere invalicabili e nel rafforzare il controllo alle stesse; si esplicita nell’aizzare l’ignoranza razzista, cucendo il ruolo di capro espiatorio addosso alla figura del migrante. E ancora agitando lo spauracchio di fantomatiche invasioni barbariche alla “nostra civiltà”. E infine servendosi della minaccia del terrorismo. Lo Stato illude il “bravo cittadino” candidandosi a proteggerlo. Si rispolverano così gli spettri più conservatori, reazionari, ultranazionalisti e fascisti. Si sguinzagliano squadracce di polizia e militari a presidiare le città: nelle stazioni, sui treni, nelle strade, alle frontiere.
Si costruiscono nuove strutture per gli esclusi: CAS, SPRAR, CARA e HUB tavole imbandite per associazioni, enti pubblici, cooperative e imprenditori per lucrare sulla pelle dei senza documenti col sistema della cosiddetta “accoglienza”.
Tanto vale riaprire i lager: i CIE, che non si possono più mascherare da “centri di accoglienza”.
Oltre alla certezza di una manodopera a basso costo, il controllo securitario del flusso migratorio, e la garanzia della prigionia di chi vi è rinchiuso; il business dell’accoglienza e la burocrazia, decidono delle vite: sfruttando, umiliando, perseguitando sulla base di presupposti razziali e di reddito.
Lo Stato ricorda meglio del “bravo cittadino” che i CIE sono lager. Sa bene che i CIE sono stati chiusi dal fuoco, con le rivolte di chi vi era rinchiuso, con la complicità dei solidali all’esterno.
In Emilia Romagna, scartato lo HUB di Bologna, la scelta ricadrebbe sull’ex-CIE di Modena, già funzionante dal 2003 al 2013, anni nei quali si sono perpetrati ogni genere di abusi sulle persone che vi erano rinchiuse. Al di là del vittimismo e dell’assistenzialismo, negli anni in cui il CIE è stato attivo, numerosi solidali hanno appoggiato le proteste e le rivolte messe in atto dai reclusi. La repressione ha più volte colpito chi ha lottato: dentro, deportando o trasferendo in carcere, così come denunciando e restringendo chi da fuori ha ostacolato la macchina delle espulsioni.

Ma alla fine il lager ha dovuto chiudere, quando la giusta risposta di chi era rinchiuso è stata recapitata al mittente.

I CIE si chiudono col fuoco della rivolta. E se il lager verrà riaperto a Modena, tutti/e dovranno ricordarselo.

Anarchici e anarchiche modenesi

This entry was posted in generale. Bookmark the permalink.